Giungla dei tirocini, non tutte le università si attengono alle indicazioni del ministero: «Le Faq non hanno nessuna validità giuridica»

C’è chi ha deciso di adeguarsi, chi cerca ‘scappatoie’ legali, chi invece ha deciso di ignorarle. Oggetto del contendere: una serie di Faq che il ministero del Lavoro ha pubblicato su un suo sito Internet, Clicklavoro, per dare indicazioni rispetto all’interpretazione della nuova norma sugli stage. Il problema quindi è che non tutte le università – principali destinatarie della norma in quanto soggetti promotori di un numero elevatissimo di stage – ci stanno: e infatti alcune non riconoscono la validità delle indicazioni ministeriali, e fanno ciascuna a modo suo.
Tutto nasce con la manovra anticrisi dello scorso Ferragosto che all’articolo 11 ha introdotto, a sorpresa, alcune modifiche alla normativa sui tirocini formativi e di orientamento, limitandone la durata a sei mesi e stabilendo che debbano essere attivati entro 12 mesi dalla laurea. Con una circolare pubblicata a settembre, il ministero è poi parzialmente tornato sui suoi passi cercando di rendere meno stringenti i vincoli e prevedendo una serie di eccezioni. La circolare ha contribuito a chiarire alcuni elementi – come ad esempio il fatto che la norma non fosse retroattiva, o la definizione di tirocini curriculari. Ma non è riuscita a chiarire proprio tutti i punti oscuri. Uno su tutti:il limite di sei mesi si riferisce al singolo tirocinio o al periodo massimo per cui un neolaureato può essere impiegato come stagista?
Un dubbio condiviso da molti uffici stage di ateneo, col risultato che ognuno ha elaborato una propria interpretazione. A novembre è finalmente arrivato un chiarimento, ma con una modalità quantomeno ‘curiosa’: il governo ha deciso di pubblicare sul sito cliclavoro.gov.it, portale governativo come si evince dall’indirizzo, 27 Faq, ovvero le risposte alle domande più comuni poste dai vari atenei italiani. Sancendo tra le altre cose che «la durata massima di sei mesi deve essere riferita al singolo tirocinio». Il ministero, seppur in forma anomala, si è espresso. E le università?
La situazione degli stage negli atenei è ancora molto eterogenea. [continua a leggere..]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...