Guk Kim, il giovane coreano che suggerisce agli italiani dove andare a mangiare: con un’app

«L’idea mi è venuta viaggiando. Per cercare un ristorante contattavo i numeri a pagamento, ma l’operatore mi dava solo l’indirizzo. Toccava a me camminare fino al locale per scoprirne l’aspetto, l’offerta e i prezzi. Da lì ho deciso di costruire un’app che fornisse tutte queste informazioni, dando risalto alle immagini». Guk Kim spiega così la genesi di Cibando, applicazione gratuita per iPhone e Android scaricata su più di 450mila telefonini.
Nato 23 anni fa in Corea del Sud, si è trasferito a Roma quand’era molto piccolo, ha studiato nel nostro paese e si sente a tutti gli effetti italiano: tutti meno uno, visto che sta ancora aspettando di ottenere la cittadinanza. Sul recente dibattito sulla possibilità di riconoscerla ai figli degli immigrati nati in Italia infatti ha le idee molto chiare: «Mi scontro tutti i giorni con le difficoltà incontrate dagli stranieri. Eppure col mio lavoro di imprenditore io contribuisco allo sviluppo del mondo degli affari italiano, fornisco impiego, creo reddito e indotto».
Sono infatti una cinquantina i blogger, fotografi, videomaker coinvolti nel progetto Cibando. Tutti «liberi professionisti che collaborano con noi», raccontando i ristoranti che scelgono questo canale innovativo per farsi conoscere. Oltre a loro ci sono due persone assunte, il responsabile del settore commerciale e la content manager. Il loro compito è quello di aggiornare giorno dopo giorno l’applicazione, che rappresenta una vetrina per gli esercizi che, pagando una somma una tantum – un po’ meno di mille euro – ottengono la possibilità di pubblicare una descrizione del locale, del menù e del servizio, corredata di immagini e video. C’è poi un motore di ricerca che permette di visualizzare su una mappa il ristorante più vicino: così, dopo essersi fatti un’idea sull’offerta, ogni utente può decidere se cenare lì o continuare a cercare.
La formula ha già convinto un migliaio di locali: un portafoglio clienti importante per una start-up nata solo nel 2011, anche se «non siamo ancora arrivati al pareggio». Laurea in Economia ottenuta alla John Cabot University, ateneo americano con sede a Roma, Guk in realtà lavora da quando era adolescente. [continua a leggere..]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...