Un italiano su cento aprirebbe un’azienda: col sogno di diventare come Flavio Briatore

Gli aspiranti startupper italiani hanno «l’appeal del top». Il Flavio Briatore interpretato da Maurizio Crozza non potrebbe sintetizzare meglio i risultati di uno studio sulla “Propensione all’imprenditorialità” realizzato da Human Highway per conto diItalia Startup. È infatti al manager originario di Cuneo che un aspirante imprenditore su tre guarda come modello. A lui come a Luca Cordero di Montezemolo, Silvio Berlusconi, Enzo Ferrari o Leonardo Del Vecchio. Ovvero a quello che viene definito come l’imprenditore “classico” italiano: chi si ispira a loro in due casi su tre ha meno di 34 anni e nel 55% delle occorrenze è maschio e risiede nel Nord Italia. I settori in cui investirebbe sono innanzitutto il commercio, poi l’energia, l’agricoltura e l’automotive. Uno su tre dei circa mille intervistati si rifà invece alle grandi famiglie imprenditoriali italiane e guarda ai Barilla, ai Ferrero, agli Agnelli, agli Olivetti. Uno su quattro ha tra i 45 ed i 54 anni, in due casi su cinque risiede nelle regioni del Sud e nelle isole, e avvierebbe un’impresa nel turismo o nella ristorazione.
Sembra insomma esserci poco spazio per uno Steve Jobs o un Mark Zuckerberg all’italiana. [continua a leggere…]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...