Funder35, 1 milione di euro per le start-up culturali

Lo scorso anno ha visto 900mila euro stanziati a favore di 15 imprese, quest’anno mette a disposizione delle imprese culturali fondate da giovani la somma di 1 milione di euro: scadono il prossimo 15 luglio i termini per partecipare all’edizione 2013 di “Funder35”, fondo per l’impresa culturale giovanile promosso da dieci fondazioni bancarie.
Alla base di questa iniziativa c’è la considerazione che la sorte delle imprese culturali giovanili dipende dal ciclo di vita dei progetti per i quali ottengono dei finanziamenti. In un momento di crisi economica e di conseguente riduzione degli investimenti in questo settore da parte dello Stato e degli enti pubblici in generale, l’obiettivo di questo fondo è proprio quello di aiutare queste realtà a ragionare in una logica di mercato. Ovvero differenziando la propria offerta e sviluppando capacità gestionali. Essendo poi i beneficiari realtà guidate da giovani, “Funder35” vuole aiutare queste imprese a rafforzarsi.
L’iniziativa è aperta solo alle organizzazioni il cui consiglio di gestione, formato da presidente, vice, segretario, tesoriere e consiglieri, sia costituitoin maggioranza da persone che ancora non hanno compiuto 35 anni. Per statuto però le fondazioni bancarie non possono elargire contributi a realtà che abbiano fini di lucro: pertanto è ammessa la partecipazione solo da parte di imprese non profit di natura privata. Per essere ammesse queste realtà dovranno dimostrare di essere attive da almeno due anni al 6 maggio 2013, data di pubblicazione del bando. E di essere impegnate nell’ambito della produzione artistica in tutte le sue forme, comprese quelle di ultima generazione, oppure nei servizi di supporto alla conoscenza, alla valorizzazione, alla tutela, alla protezione e alla circolazione dei beni e delle attività culturali.
I progetti finanziabili dovranno prendere il via nel 2014 e riceveranno un contributo pari al massimo al 75% dell’importo totale. Le risorse ottenute potranno essere destinate al massimo per un quarto ad attività di produzione artistica e culturale purché orientati al rinnovamento dell’attività o finalizzate a coproduzioni ritenute strategiche, ovvero destinate a dare vita a forme di collaborazione stabile tra più soggetti.
L’idea di fondo, infatti, è quella di aiutare queste organizzazioni ad avere una gestione sempre più imprenditoriale della propria attività. [continua a leggere..]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...