Terremoto, le scosse che hanno distrutto Amatrice

Sono più di 600 le scosse di terremoto che hanno colpito la provincia di Rieti a partire dalla mezzanotte del 24 agosto. Tante ne ha censite l’Iside (Italian seismological instrumentale and parametric database) working group, una piattaforma che fa capo all’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia.
La terra ha cominciato a muoversi all’1:14 di mercoledì, con una scossa di magnitudo 2,7 della scala Richter registrata a poco meno di 29 chilometri di profondità. Due ore più tardi, alle 3:36, è arrivata quella di magnitudo 6,0 che ha distrutto Amatrice, colpendo anche Arquata, Accumoli e Pescara del Tronto, uccidendo almeno 247 persone e costringendone 2.500 ad abbandonare le proprie case, spesso letteralmente sbriciolate dal sisma. Un’ora più tardi la seconda scossa più intensa, che ha raggiunto i 5,3 sulla scala Richter. Ma lo sciame sismico ha proseguito per tutta la giornata di ieri e di oggi. Ancora alle 12.36 è stata avvertita una nuova scossa, che ha raggiunto i 4,3 gradi. [Continua a leggere su Wired.it]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...