Neet, quel tesoro (inespresso) da un trilione di dollari

Come far crescere di colpo il Pil italiano di una quota compresa tra il 7 ed il 9%? Semplice, basta trovare un lavoro a quel giovane su tre che non ce l’ha. Già, perché quel 35% di Neet tra i 20 ed i 24 anni non rappresentano solamente un problema sociale, ma anche un potenziale inespresso. A cominciare dal profilo economico.
A stimarlo, basandosi su dati raccolti dall’Ocse, è PricewaterhouseCoopers nell’edizione 2016 del suo rapporto “Young workers index”, intitolato quest’anno non a caso “Empowering a new generation”. Secondo la società di consulenza a livello globale i Neet rappresentano un valore potenziale pari a mille miliardi di dollari. Il punto è riuscire a liberarlo. Missione impossibile? No, tanto che c’è chi ci sta riuscendo: Israele ha dimezzato il numero di Neet dal 2006 al 2014, molto bene in questo senso ha fatto anche la Germania. Che oggi, secondo l’indice stilato da Pwc, è dopo la Svizzera il secondo miglior paese per le opportunità che vengono offerte ai giovani. [Continua a leggere su InfoData – Il Sole24Ore]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...