Referendum: a dire no sono stati giovani, disoccupati e i meno abbienti

I giovani, i disoccupati, le persone con un reddito più basso. Sono loro ad aver portato alla vittoria del No al referendum costituzionale di domenica, in quello che appare più un voto antisistema che una difesa del testo della Carta. E che, pur in un contesto di sconfitta, paradossalmente consolida il ruolo di Matteo Renzi alla guida del Pd.
Per provare a leggere tra le righe dell’esito referendario, Info Data ha messo a confronto la percentuale del Sì nelle provincie italiane con alcuni indicatori demografici ed economici, oltre che con il risultato ottenuto dal Pd alle ultime politiche e alle europee di due anni fa. E il risultato è che nei numeri c’è tutta la protesta per una crisi economica che non accenna ad esaurirsi.
Intanto, una premessa: solo in 12 province italiane il Sì è riuscito a superare il 50% più uno dei voti. Anche se, mentre scriviamo, sul sito del Viminale mancano i dati relativi ad alcune province della Sardegna. Entrando nel vivo dell’analisi, il primo aspetto preso in considerazione è puramente demografico. Si tratta di un rapporto tra gli over 65 e i giovani tra i 18 ed i 30 anni residenti nelle provincie italiane basato su dati Istat. [Continua a leggere su InfoData – Il Sole24Ore]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...