Corruzione, l’Italia migliora. Ma non abbastanza

Meno corrotta, ma pur sempre corrotta. L’edizione 2016 del Corruption Perception Index, report sulla corruzione globale realizzato da Transparency International, pone l’Italia al 60simo posto della classifica. Peggio di noi, nell’Unione europea, solo Grecia e Bulgaria. Se però si guarda all’andamento dal 2012 a oggi, le cose cambiano. E Roma rientra tra le capitali che più hanno visto migliorare il proprio risultato.
Intanto la nuova edizione dell’indice, pubblicata oggi. In cima alla classifica ecco Danimarca e Nuova Zelanda. Che, in una scala da zero a 100 in cui zero indica il massimo della corruzione, hanno ottenuto un punteggio di 90. In fondo alla classifica, con appena 10 punti, ecco la Somalia. Dato che non stupisce per un Paese dove da 25 anni imperversa una guerra civile.
E l’Italia? Con un punteggio di 47 si piazza al 60simo posto. Ovvero poco sopra metà classifica. Meglio di Russia, Brasile e Cina, ma comunque dietro a tutti i Paesi occidentali. [Continua a leggere su Wired.it]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...