Giornalismo online: i lettori preferiscono i long form ai video

I video coinvolgono i lettori? No, a generare il maggior engagement sono i cosiddetti long form. Ovvero i contenuti più lunghi, composti da almeno mille parole. A dirlo è l’Authority report, uno studio delle performance dei media digitali realizzata da Parsely, azienda newyorchese che si occupa di analizzare la risposta del pubblico agli articoli pubblicati on line.
Stando al rapporto, realizzato prendendo in considerazione contenuti pubblicati tra il dicembre del 2014 e lo stesso mese dello scorso anno, nonostante siano stati a lungo indicati come la panacea di ogni male per l’editoria on line, i video risultano essere la soluzione peggiore per generare engagement. Ovvero interazioni del lettore con la pagina, ad esempio cliccando o scrollando. Cosa che avviene con un tasso del 30% inferiore rispetto ai contenuti cosiddetti normali. Ovvero meramente testuali e con una lunghezza compresa tra le 200 e le 600 parole. [Continua a leggere su InfoData – Il Sole24Ore]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...