Materie scientifiche, cosa frena le ragazze? Mancanza di pari opportunità e modelli femminili

Tra i 15 ed i 16 anni le ragazze europee perdono interesse nelle materie scientifiche e tecnologiche. Eppure, se nelle professioni che hanno a che fare con scienza, tecnologia, ingegneria e matematica (indicate dalla sigla Stem) si raggiungesse la parità di genere, il Pil dell’Unione europea crescerebbe di 9 miliardi l’anno. Queste le conclusioni cui è giunto European Girls in Stem, studio che ha coinvolto oltre 11.500 ragazze di 12 Paesi europei.
Una ricerca realizzata da Martin W. Bauer del dipartimento di Scienze psicologiche e comportamentali della London School of Economics. E commissionata da Microsoft, che ha presentato i risultati in occasione del lancio dell’edizione 2017 di Nuvola rosa. Un progetto nato nel 2013 per sostenere la diffusione delle competenze digitali tra le donne. E che quest’anno coinvolgerà 1.500 studentesse italiane in oltre 40 corsi di formazione promossi in collaborazione con Fondazione Mondo Digitale e Cariplo Factory. [Continua a leggere su Wired.it]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...